Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/articolo/ayrton_senna_15_anni_fa' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Ayrton Senna 15 anni fa... | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Ayrton Senna 15 anni fa...

Articolo Generico Ayrton Senna 15 anni fa...

Esattamente 15 anni fa, il primo Maggio del 1994, il destino decide di mettere fine ad una vita fatta di sorpassi, curve a 300 all’ora e vittorie festeggiate agitando bottiglie di champagne formato magnum, sul gradino più alto del podio. Vittorie che a quei tempi valgono dieci punti ognuna, che
sommati uno dopo l’altro valgono titoli del mondo, tre per l’esattezza (1988,1990,1991), che per forza di cose lo fanno diventare un mito nella sua terra natale,il Brasile,ed un idolo per tutti gli appassionati di formula uno e di sport più in generale.
Impossibile non apprezzarne le gesta, uno sportivo a 360 gradi che si fa apprezzare anche umanamente al di fuori dei circuiti che volta per volta affronta, senza dimenticare mai le origini, perché se è vero che uno su mille ce la fa, non bisogna mai dimenticarsi degli altri 999 che hanno avuto meno fortuna. Dopo un campionato cominciato un po’ in sordina con due ritiri e le corrispondenti vittorie di un giovane tedesco, Michael Schumacher, Ayrton alla terza gara dell’anno, in quel primo Maggio ad Imola, sembra finalmente aver ritrovato la retta via e si appresta a vincere il suo primo gran premio dell’anno. Quella domenica era stata preceduta dal grave incidente occorso a Rubens Barrichello il venerdì, uscito miracolosamente illeso e dall’invece tragica morte del giovane pilota autriaco Roland Ratzemberger il sabato, ma il carrozzone spinto dagli sponsor non può fermarsi nemmeno davanti a queste cose e così il giorno seguente, tutti in pista come se niente fosse accaduto.
Alle 14:17 in gara, durante il settimo giro, Ayrton Senna va dritto alla curva del tamburello impattando violentemente contro un muro, il Brasile perde il suo mito vivente, la formula uno e lo sport un grande campione, il mondo intero nei giorni seguenti lo piange senza darsi pace. Muore a soli 34 anni in diretta tv mentre è in testa alla gara. Quell’anno inizerà la scalata di un altro grande della formula uno, Schumacher, che pian piano diventerà il leader assoluto del decennio a seguire ma nessuno a distanza di 15 anni è riuscito ad offuscare mai il ricordo di Ayrton Senna.

Fabio Caravello


PreviousPauseAvanti