Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/articolo/bisogna_imparare_a_dire_no_alle_bugie_della_gelmini' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Bisogna imparare a dire no alle bugie della Gelmini! | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Bisogna imparare a dire no alle bugie della Gelmini!

Articolo Generico Bisogna imparare a dire no alle bugie della Gelmini!

Si è aperta con tre minuti di fischi ininterrotti la manifestazione del mondo universitario per dire NO al disegno di legge Gelmini sull’università, svoltasi ieri davanti al Senato, dove è, appunto, in corso la discussione sul decreto per la riforma. Tra i punti critici evidenziati dai ricercatori e dagli studenti è il blocco del turnover che inevitabilmente si tradurrà nella chiusura di interi corsi di studio e nella totale impossibilità di fare della buona ricerca, visti i significativi tagli ai bilanci.

Per l’anno accademico in corso i ricercatori del nostro Ateneo hanno tenuto corsi per la retribuzione di 400 euro annui, senza che, tra l’altro, venisse riconosciuto loro un ruolo di centralità nell’organizzazione della didattica. Per l’anno accademico in corso gli studenti, che hanno pagato regolarmente le tasse universitarie (sempre più alte), si sono trovati a combattere con l’abolizione di corsi, la mancanza di laboratori, la mancanza di personale docente e l’impossibilità di guardare a loro futuro con una certa serenità.

Martedì i nostri ricercatori, sostenuti da studenti, amministrativi, docenti e precari, hanno occupato pacificamente il Rettorato, come sta avvenendo in gran parte degli atenei italiani, per chiedere ai vertici una posizione netta a favore del carattere pubblico dell'università e contro i tagli.

Ma da Viale Trastevere il ministro dell’istruzione fa sapere che la riforma in questione non contiene alcun taglio. Il nostro impegno, ha sostenuto Mariastella Gelmini, è non solo sul fronte della ricerca di risorse adeguate per il sistema universitario ma anche e soprattutto per una spesa più efficiente. E ancora: Credo che la riforma valorizzi il ruolo dei ricercatori e allinei l’Italia alle prassi europee.

A certe bugie bisogna imparare a dire di NO!


PreviousPauseAvanti