Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Gaetano Scirea vent'anni dopo...

Articolo Generico Gaetano Scirea vent'anni dopo...

E' difficile, quasi impossibile, per chi come me è nato due anni dopo lo storico "mundial 82", descrivere e raccontare con dovizia di particolari il calciatore e l'uomo Gaetano Scirea. E' per questo che ho estrapolato una parte dell'articolo scritto da Roberto Beccantini, questa settimana sul Guerin Sportivo. Già, proprio in questi giorni ricorre il ventesimo anniversario della sua scomparsa e credo sia giusto continuare a diffondere, anche ai più giovani, un pezzo di storia del nostro calcio...E che storia! Fatta di fair play in campo e poca mania di protagonismo al di fuori dei novanta minuti giocati.

Fabio Caravello

"Vent'anni fa moriva Gaetano Scirea. Era il 3 Settembre 1989, seconda domenica di campionato. Gaetano era stato spedito dal presidente Giampiero Boniperti in Polonia a seguire il Gornik Zabrze, avversario della Juventus in Coppa Uefa. Aveva smesso al termine della stagione 1987-88, aveva accettato con entusiasmo l'incarico e la carica di assistente di Dino Zoff, con il quale si era laureato campione del mondo.
Lo portò via il rogo di un'auto sull'asfalto polacco. Aveva 36 anni, lascava Mariella e Riccardo. Lasciava, soprattutto, un dono raro: l'esempio.
Mai espulso, mai squalificato. Enzo Bearzot aveva proposto di ritirare la sua maglia numero sei, ma forse è meglio così, forse è meglio non negare ai ragazzi il sogno di poter portare, un giorno, la maglia di Scirea, "alla Scirea". Il guaio è un altro: la memoria. Ogni tanto, la data scappa. Dicono che sia la frenesia della vita moderna. Balle. Ignoranza. Superficialità. Poi, naturalmente, sopraggiunge il rimpianto, il rimorso. Lacrime di coccodrillo.
Stavolta no, stavolta proprio non si poteva. Vent'anni. Il tempo di una generazione.
Descrivere Gaetano a coloro che non lo hanno conosciuto, risulta meravigliosamente facile, oltre che straordinariamente bello. Basta leggere tutto quello che abbiamo scritto prima, e tutto quello che abbiamo scritto dopo. Non un aggettivo diverso, non un esclamativo last minute.
Scirea continua ad essere Scirea. Il "libero" signore e il signor "libero". Leale, solare. Un uomo d poche parole in un mondo già allora di troppe chiacchiere. Straordinario in campo e normale gli altri giorni: l'esatto contrario del personaggio che oggi buca il video, normale in campo e straordinario gli altri giorni, magari su un'isola...
Gaetano è stato un'idea di calcio che non smette di emozionarci. Se ce n'è stato uno, perchè non potrebbe nascerna un altro?"

Dal Guerin Sportivo del (1-7 Settembre) articolo a cura di Roberto Beccantini.


PreviousPauseAvanti

Warning: Table './testdrupal/drupal_watchdog' is marked as crashed and should be repaired query: INSERT INTO drupal_watchdog (uid, type, message, variables, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '%message in %file on line %line.', 'a:4:{s:6:\"%error\";s:12:\"user warning\";s:8:\"%message\";s:376:\"Table './testdrupal/drupal_accesslog' is marked as crashed and should be repaired\nquery: INSERT INTO drupal_accesslog (title, path, url, hostname, uid, sid, timer, timestamp) values('Gaetano Scirea vent'anni dopo...', 'node/1326', '', '54.158.100.26', 0, '9b7d16d557ce61b3aabbdb697645fd6d', 657, 1487756107)\";s:5:\"%file\";s:61:\"/var/www/radiotorvergata/modules/statistics/statistics.module\";s:5:\"%line\";i:64;}', 3, '', 'http://radio. in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135