Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/articolo/giornata_del_ricordo_in_memoria_delle_vittime_delle_foibe' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Giornata del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Giornata del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe

Articolo Generico Giornata del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe

Ora non sarà più consentito alla Storia di smarrire l’altra metà della Memoria. I nostri deportati, infoibati, fucilati, annegati o lasciati morire di stenti e malattie nei campi di concentramento jugoslavi, non sono più morti di serie B. (Annamaria Muiesan)

Oggi, 10 febbraio, si celebra la Giornata del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe. Tra l’ottobre del 1943 e il maggio del 1945, infatti, almeno cinquemila italiani (ma molto probabilmente molti di più) furono uccisi dai partigiani di Tito. Catturati nei luoghi di lavoro e nelle abitazioni, vennero imprigionati, torturati e poi gettati ancora vivi nelle cavità carsiche, chiamate, appunto, foibe. Oltre alle vittime non vanno dimenticate le 350.000 persone costrette alla sofferenza e all'assurda umiliazione dell’esilio.
Per mezzo secolo questa tragica pagina di storia è stata dimenticata dallo Stato italiano in nome dell’amicizia e del buon vicinato con la ex Jugoslavia di Tito e solo negli anni Novanta, finita le guerra fredda, si è sentita la necessità di rendere omaggio alle vittime di una vera e propria pulizia etnica, un genocidio. Nel 2004 il Parlamento ha votato una legge che fissa il 10 febbraio come “Giorno del ricordo” «al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra».
Una data simbolica perché rimanda al 10 febbraio 1947 quando fu ratificato il Trattato di pace che sanciva il passaggio alla Jugoslavia delle ex province italiane dell’Adriatico.
Una giornata per non dimenticare e per dimostrare che la storia non può e non deve essere strumento di lotta politica, ma parte integrante della cultura e della tradizione di un popolo, senza amnesie e senza false giustificazioni.


PreviousPauseAvanti