Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Malato di Facebook? Ora puoi curarti al Policlinico Gemelli!

Articolo Generico Malato di Facebook? Ora puoi curarti al Policlinico Gemelli!

Controlli in modo compulsivo i commenti su Facebook?
Preferisci evitare di dormire per poter navigare tutta la notte e coltivare nuove amicizie?
Non riesci a goderti una vacanza al mare o in montagna se non hai la garanzia di poterti collegare al tuo profilo in qualsiasi momento?
Hai creato un’identità virtuale per tenere sotto controllo qualcuno?
Se hai risposto Si a una di queste domande sei un malato di internet o comunque ne sei intossicato!
Ma niente allarmismi !... Ora esiste una cura! E’ stato, infatti, inaugurato il 3 novembre al Policlinico Agostino Gemelli di Roma l'Internet Addiction Disorder, il primo ambulatorio destinato a curare la dipendenza patologica da internet, ovvero i disturbi del comportamento ossessivo verso il web.
Alla presentazione del progetto il coordinatore, lo psichiatra Federico Tonioni, ha evidenziato come l’utilizzo patologico di Internet e soprattutto dei social network provochi sintomi fisici molto simili a quelli manifestati da tossicomani in crisi di astinenza.
I pazienti, infatti, se posti in attesa di risposte e contatti o messi nella condizione di non potersi collegare, presentano, sempre più frequentemente, disturbi come ansia, depressione e paura di perdere il controllo di ciò che accade in internet. Chiaramente esistono diverse forme di dipendenza con relativa gravità dei sintomi. Tonioni ne ha distinte cinque: il cyber-sexual addiction (sesso virtuale e pornografia), il cyber-relational addiction (social network), il net-compulsion (gioco d'azzardo, shopping e commercio on line), l’information overload (ricerca ossessiva di informazioni) e il computer addiction (coinvolgimento eccessivo in giochi virtuali o di ruolo).
Il protocollo di intervento è uguale per tutti ed è strutturato in tre passi: un iniziale colloquio per permettere al medico di confermare o meno la diagnosi di dipendenza; incontri successivi per individuare la psicopatologia sottostante, eventualmente trattata con opportuna terapia farmacologia e, infine, inserimento progressivo in gruppi di riabilitazione con lo scopo di stimolare nuovi contatti dal vivo e permettere autentiche e reali esperienze di condivisione con gli altri.
Istituendo cure adeguate per i malati di Internet, il nostro Paese si adegua alle politiche mediche già sperimentate con successo negli Stati Uniti o in Cina dove sono state aperte intere cliniche per curare le patologie da dipendenza di questo tipo.

L'ambulatorio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30. Per accedere alla prima visita occorre prenotare telefonicamente, contattando i numeri 06.30154332-4122.

Mi permetto di concludere affermando che, a prescindere da quella che può essere l’identità, le modalità o gli scopi della propria vita virtuale, la frequentazione intensiva e sempre più massiccia dei social network può portare le persone, anche sane, all'isolamento e alla perdita di relazioni sociali autentiche e non malate.


PreviousPauseAvanti

Warning: Table './testdrupal/drupal_watchdog' is marked as crashed and should be repaired query: INSERT INTO drupal_watchdog (uid, type, message, variables, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '%message in %file on line %line.', 'a:4:{s:6:\"%error\";s:12:\"user warning\";s:8:\"%message\";s:396:\"Table './testdrupal/drupal_accesslog' is marked as crashed and should be repaired\nquery: INSERT INTO drupal_accesslog (title, path, url, hostname, uid, sid, timer, timestamp) values('Malato di Facebook? Ora puoi curarti al Policlinico Gemelli!', 'node/1776', '', '54.146.184.210', 0, '4e8b9acb62e9f0ea07a9d4e8cee73710', 783, 1488027052)\";s:5:\"%file\";s:61:\"/var/www/radiotorvergata/modules/statistics/statistics.module\";s:5:\"%line\";i:64;}', 3, '', � in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135