Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/articolo/uova_e_colomba_perche_sono_i_simboli_pasquali' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Uova e colomba: perché sono i simboli pasquali? | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Uova e colomba: perché sono i simboli pasquali?

Articolo Generico Uova e colomba: perché sono i simboli pasquali?

Vi siete mai chiesti perché nel giorno di Pasqua ci si scambiano le uova e si termina il pasto con la colomba?
Ve lo diciamo NOI!

La tradizione del classico uovo di cioccolato è piuttosto recente ma la tradizione dello scambio di uova vere, dorate o decorate, risale a tempi molto antichi. Essa avrebbe, infatti, inizio ben prima della nascita del Cristianesimo e risalirebbe all’epoca persiana durante la quale era abitudine scambiarsi semplici uova di gallina all’avvento della stagione primaverile, abitudine diffusa anche in tempi antichissimi in Grecia e in Cina. L'usanza dello scambio di uova decorate si sviluppò poi nel Medioevo come regalo alla servitù e nel medesimo periodo la tradizione andò a intrecciarsi con la religione cristiana divenendo, in breve tempo, il simbolo della rinascita dell'Uomo, ossia di Cristo. Sempre durante il Medioevo iniziò a diffondersi la tradizione della creazione di uova artificiali fabbricate o, semplicemente, rivestite in materiali preziosi, ovviamente destinate agli aristocratici e ai nobili. Si dice che Edoardo I di Inghilterra abbia commissionato 450 uova rivestite d’oro e donate alle famiglie della nobiltà in occasione della Pasqua. In tempi più recenti l'uovo di Pasqua maggiormente celebre e diffuso è il classico uovo di cioccolato la cui diffusione è avvenuta soprattutto nell’ultimo secolo. Nei paesi più poveri e nei paesi di religione ortodossa l’uovo di cioccolata è ancora sostituito con quello di gallina solitamente cucinato sodo. Da noi quest’ultimo, come simbolo pasquale è rimasto presente soprattutto accompagnato dalla tradizionale colomba pasquale.
Anche se alcune leggende vorrebbero far risalire questo dolce all’epoca longobarda, addirittura al re Alboino che durante l'assedio di Pavia si vide offrire, in segno di pace, un pane dolce a forma di colomba, in realtà fu tale Dino Villani, direttore pubblicitario di una celebre ditta milanese già famosa per i panettoni, a decidere di sfruttare i macchinari dell’azienda e la stessa pasta, ideando un dolce simile a quello natalizio ma destinato alla festività pasquale. Tuttavia non mancano leggende e tradizioni come quella molto suggestiva di San Colombano, abate irlandese. Si narra che al suo arrivo in terra longobarda, intorno al 610, sia stato ricevuto dai sovrani longobardi e invitato con i suoi monaci a un suntuoso pranzo durante il quale furono servite numerose vivande e selvaggina rosolata. In un periodo di precetto pasquale San Colombano e i monaci inizialmente rifiutarono i cibi ma, successivamente, per non arrecare offesa ai padroni di casa chiesero di poter benedire le diverse portate. Appena Colombano alzò la mano destra in segno di croce, le pietanze si trasformarono in candide colombe di pane bianco tanto che la colomba bianca divenne il simbolo iconografico del santo, sempre raffigurata sulla sua spalla.

Che altro aggiungere? Buona Pasqua!!!!


PreviousPauseAvanti