Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/afterhours_estragonbo_14_apr_2007' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Afterhours @ Estragon(BO) (14 Apr 2007) | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Afterhours @ Estragon(BO) (14 Apr 2007)

Concerti
Informazioni
Anno: 
2007

Forse se smetto di respirare, se ne va via da se (see!!!) ..

Qualcuno inizierà a pensare che sono pazza .. altri ne avranno conferma ..
ma, è stato necessario soddisfare l'insaziabile bisogno del mio omino del cervello che all'ultimo, ultimissimo momento, ha deciso andare a Bologna per sentire gli Afterhours.
Ebbene si, ci sono andata!
Partita sabato 14 Aprile alle 11.30 circa da Tor Vergata con kotza Rox (Rossella Pisano) e altri amici conosciuti grazie alla kotzi zia Vane (Vanessa Biagiotti), ho nuovamente potuto alienarmi e devastarmi l'anima con la musica degli Afterhours .. MUSICA che ormai fa da tramite tra il mio essere e la dimensione parallela della mia essenza.

Come al solito, non sono in grado di potervi spiegare a parole cosa significa per me la loro musica e come è stato il live, perchè ormai credo di essere sulla via del non ritorno. Forse potrebbe bastare dire che "è una cosa così sporca che la farei per niente" o forse "è solo un pò di me che se ne va" .. ma anche "meraviglioso come a volte ciò che sembra non è". Però è possibile anche che "non c'è torto o ragione al naturale processo di eliminazione".
Si insomma, potrei continuare per ore ed ore.. ma non lo farò! (per la gioia di chi legge)!!!
Di fatto però, come in ogni post concerto, trovo quasi la pace dei sensi .. amo troppo la loro musica, è un bisogno impellente al quale non so dir di no .. sarà patetico, banale, infantile, ma è "il mio modo di morire sano e salvo dove m'attacco, il mio modo vigliacco di restare sperando che ci sia quello che non c'è".
Ogni volta è una nuova emozione.. l'ansia per l'inizio e il fomento dalla prima all'ultima nota. E' indescrivibile.

Ma veniamo al concerto! La serata inizia nel migliore dei modi. Aprono le danze i JoyCut, bravi si, ma la mente e il cuore era tutto per loro.. gli Afterhours!
In quanto ultima data in italia dopo il tour americano prima di chiudersi in studio (stesse parole del 6 dicembre, ma dovrebbero suonare anche al primo maggio), ho dovuto "comprare della seta rossa al mio male con la quale farlo stare zitto", perchè boh, ci sono stati attimi di smarrimento.. anche il fatto che non eravamo a Roma con i miei amici soliti un pò mi ha resa immune al completo godimento .. anzi, se proprio vogliamo dirla tutta, non sono soddisfatta.
Ma devo dire che l’Estragon rende parecchio. E’ veramente una bellissima location per i concerti, specialmente di questo genere .. bella l’organizzazione, ottima l’acustica e decisamente positiva la gente.
A parte piccoli problemi tecnici iniziali con i microfoni, hanno suonato .. bene, decisamente bene .. ma devo confessarvi che ho trovato degli Afterhours stanchi, pacati, forse un po’ spenti .. sarà che sono quasi tutti padri, sarà che erano di ritorno dal tour americano che li ha prosciugati, (tra l'altro tour andato alla grande), ma mi sono mancati troppo i pezzi storici, quelli che ti fanno cantare fino a toglierti il respiro, quelli che ti fanno sentire lo stomaco sottosopra, quelli che ti fanno sentire vibrare l'anima. Non critico assolutamente le loro scelte, ma personalmente non mi sento di dire: GODO! E' grave? Beh, forse il tutto è giustificabile dal fatto che conoscendoli da molto tempo e, conoscendo a fondo il loro modo di segnare un live, lo stare in prima fila e l'uscire dall'Estragon mediamente sudata e mediamente con poca voce non mi ha entusiasmata troppo ..

Dò un 9- alla performance e un 10+++ a loro. Abbiamo avuto modo di poterli incontrare casualmente in pizzeria prima del concerto ( e che ve lo dico a fare, 5 bambini dell'asilo con i lucciconi agli occhi e l'adrealina alle stelle), e come in altre occasioni, si sono dimostrati delle persone estramente cordiali e disponibili con i fans.

Questa è la scaletta:
1. ELYMANIA
2. LASCIAMI LECCARE L'ADRENALINA
3. L'INUTILITA' DELLA PUNTUALITA' (Dario Ciffo alla chitarra)
4. LA FINE E' LA PIU' IMPORTANTE
5. LA VEDOVA BIANCA
6. TUTTO FA UN PO' MALE
7. VARANASY BABY
8. SULLE LABBRA
9. LA SOTTILE LINEA BIANCA
10. BUNJEE JUMPING
11. QUESTO PAZZO PAZZO MONDO DI TASSE
12. NON SI ESCE VIVI DAGLI ANNI '80
13. MALE IN POLVERE
14. LINUS (Roberto Dell'Era voce)
15. LA GENTE STA MALE
16. STEEL (Roberto Dell'Era voce)
17. IL SANGUE DI GIUDA
18. DENTRO MARYLIN
19. IL MIO RUOLO

I BIS:
20. QUELLO CHE NON C'E'
21. PELLE
22. VOGLIO UNA PELLE SPLENDIDA
23. BYE BYE BOMBAY

II BIS:
24. CI SONO MOLTI MODI
25. BALLATA PER LA MIA PICCOLA IENA
26. MILANO CIRCONVALLAZIONE ESTERNA
27. OCEANO DI GOMMA

Direte: ma cos'altro volevi? Non ti basta tutta questa musica? ..
Si, mi basta .. ma volevo più energia, non musicalmente parlando, ma quella che vi dicevo sopra .. che ti fa morire e rinascere in poco tempo.

Mi sono dilungata abbastanza. E' un frutto partorito da una mente insana e malata, sappiatelo!

GRAZIE DI ESSERE GLI AFTERHOURS.

Federica Tambaro


PreviousPauseAvanti