Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/black_lips_los_valientes_del_mundo_nuevo' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Black Lips - Los Valientes del Mundo Nuevo | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Black Lips - Los Valientes del Mundo Nuevo

Cd-Dvd Musicali
Informazioni
Anno: 
2009

La fama che ora precede i Black Lips non ha molto a che fare con la musica che suonano. Sono i pazzoidi del momento che durante i live si prendono a botte, si denudano, urinano il palco e via discorrendo. Dietro l’amena facciata esteriore c’è molto di più. Immaginatevi i Black Lips come quattro ragazzi di Atlanta che hanno fatto una grossa scorpacciata di sixties garage beat targato ‘66.

Prendete le Pebbles e riducetele a delle compresse, inghiottitele a cacatele, questi sono i Black Lips, in più ci aggiungiamo la psichedelia folle dei 13th Floor Elevators, il country e il blues del dopo guerra con tutte le loro sfumature. Arriva con questo album per la Vice la consacrazione. Un disco live registrato a Tijuana, tra California e Messico, per la strada con un pubblico di freak. Quindi rutti, sirene della polizia, strombazate messicane, urla e feedback in quantità.

Immancabile Sea of Blasphemy, che li accompagna dalle loro origini, Hippie, Hippie, Hoorah (dei Velvet Underground in acido), l’ubriaco e alienante garage noise blues di Boomerang, la ballata Dirty Hands a smorzare i toni e Burried Alive, un country blues che cozza contro una litania slava. Una montagna di vibrati, riverberi e coretti striduli e travolgenti sommergeranno le vostre orecchie. Facilmente mi azzardo a dire che i Black Lips sono una delle più grandi band dei nostri tempi.

Recensione originariamente scritta da Tommaso Floris


PreviousPauseAvanti