Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/efterklang_peter_broderick_init_09_02_08' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Efterklang (+ Peter Broderick) @ INIT (09-02-08) | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Efterklang (+ Peter Broderick) @ INIT (09-02-08)

Concerti Concerto Efterklang INIT 09.02.2008
Informazioni
Luogo: 
Roma - Init
Data: 
09/02/2008
Galleria Immagini: 
Efterklang INIT Roma 09-02-08

Efterklang... ovvero il concerto che non ti aspetti. Forse te lo auguri, magari lo desideri. Ancora intento a sviscerare a fondo il loro ultimo lavoro (Parades, 2007), dubitavo dell'esito finale mentre uscivo di casa in una serata fredda (ma non troppo) di inizio Febbraio.

Rientro all'Init dopo anni di chiusura forzata e (prima sorpresa) trovo un locale rinnovato e funzionale che mi accoglie nella penombra, ancora semi vuoto, come si addice ai ritmi lenti e un po' indolenti del pubblico romano. Il primo sopralluogo è per il palco: un piano Rhodes, una fila di strumenti a fiato in parata, basso, chitarre,violino, effetti assortiti, tavolo con sequenzer-laptop e ben due postazioni ritmiche...! Oltre la batteria infatti, spicca sul fronte avanzato del palco, una seconda linea di elementi percussivi (senza la cassa), addobbati da sonagli e campanellini di ogni foggia, circondati da piatti volutamente scheggiati.
Il prologo fa ben sperare ma preferisco sedermi ed aspettare di vederli all'opera.
E finalmente arrivano... sono in otto, vestiti con costumi di scena tra cui spicca la mantellina a lustrini, stile anni settanta, di Casper Clausen (cantante e percussionista), il front-man del gruppo: vero trascinatore, istrionico e divertente!
Efterklang... il concerto che non ti aspetti; quel gruppo dalle atmosfere spesso nostalgiche e tristi....sul palco diventa un folle e colorata banda di paese che sprizza energia a profusione. Sono simpatici, spiritosi, auto ironici, dialogano con il pubblico e non si risparmiano in nulla...!
E la loro musica?... beh quella c'e' tutta: i crescendo, le sovrapposizioni corali, le esplosioni ritmiche e persino i momenti più intimisti sono dipinti in sfumature calde e solari... per un attimo ci sembra di poter ridere di tutto...! Il repertorio spazia dai vecchi classici alle tracce del nuovo lavoro: da "Step Aside" a "Pray and Predator" da "Mirador" a "Caravan" e persino un inedito, ma l'energia che questi otto (che sembrano sedici!) sprigionano sul palco... non si capisce da dove arrivi!! Teatrali e sorridenti, polistrumentisti tecnicamente preparati ed affiatati, non sono ne freddi ne snob... scherzano con noi, ci fanno cantare... ci divertiamo, noi e loro... insieme. Il pubblico (per una volta tanto rispettoso) ha ormai riempito il locale e partecipa entusiasta o ascolta in silenzio i momenti più sussurrati della performance.

Spazio anche a venature da vero "wall of sound" che si alternato a ballate lente ed incursioni più sperimentali dove si suona di tutto: dalle pianole giocattolo alla classica "sega con archetto" (si avete capito bene, parlo dello strumento per tagliare il legno!) a simulare l'effetto Teremin!
E questa squinternata banda continua a stupirci con il suo mix elettronico-elettro/acustico e le sue improvvisazioni da urlo: quando Peter Broderick (violinista) e Niklas Antonson (trombettista) si impossessano di bacchette e cominciano a suonare... i tubi di areazione del locale... l'Init esplode!
Al bis ci chiedono cosa preferiamo ascoltare: il pezzo più lento e "noioso" o quello più veloce e ritmato... gli rispondiamo "tutti e due!"... e loro non se lo fanno ripetere...!!
Efterklang (in danese "riverbero")... il concerto che non ti aspetti: dove tutto si fonde... poesia e musica... gioia e tristezza... melodia e rumore...
Di sicuro finirà tra i migliori eventi di quest'anno... e sarà duro stargli davanti in un'ideale classifica! Se non siete venuti (magari non avete apprezzato l'ultimo disco!) avete perso un'occasione!
La prima degli Efterklang a Roma... Tornate presto vi aspettiamo...!!
Il ritorno dell'Init tra i locali per musica di "spessore"... Finalmente...!!

La Banda!

  • Casper Clausen (Vocals & Various Instruments)
  • Mads Brauer (Computers, Seq. & Flute)
  • Thomas Kirirath Husmer (Drums, Trumpet & Choir)
  • Rasmus Stolberg (Bass, Guitar & Various Instruments)
  • Peter Broderick (live-band member - Violin & Choir)
  • Anna Brønsted (live-band member - Piano, Vocals)
  • Niklas Antonson (live-band member - Trombone & Choir)
  • Frederik Teige (live-band member - Guitar & Choir)

La discografia

  • Springer (EP) (autoprodotto nel 2003, ri-stampato da The Leaf Label nel 2005)
  • Tripper (The Leaf Label, 2004)
  • One Sided LP (Burnt Toast Vinyl, 2006)
  • Under Giant Trees (The Leaf Label, 2007)
  • Parades (The Leaf Label, October 2007)

Guest - Peter Broderick

Il giovane violinista degli Efterklang ha aperto la serata con una mini-performance assolutamente in sintonia con il successivo concerto, allestendo per noi una vera e propria "one-man band". Armato di piano, violino, chitarra e sonagli vari, con l'aiuto della strumentazione digitale, ha creato composizioni per successiva sovrapposizione di campioni suonati live...Il risultato: una decina di pezzi brevi, semplici ma intensi, dove si alternando momenti lenti e cadenzati a ballate più classiche con voce e chitarra. Sempre con l'atteggiamento scherzoso ed auto ironico questo giovane musicista ci ha traghettato verso il piatto forte della serata , terminando la sua performance in mezzo al pubblico agitando sonagli e altri non meglio identificati "strumenti rumorosi"!
Finalmente un gruppo spalla che non ti spacca i timpani prima del concerto principale!

Curiosità

Al termine dei concerti un cigliegina ha incoronato una serata già ottima. Guadagnando l'uscita dalla sala mi sono imbattuto d'improvviso in una persona mai vista prima ma dal viso familiare. Ho aspettato un po'( la musica a volte fa strani scherzi associativi!) ma la curiosità era troppa e prima di andarmene mi sono avvicinato per verificare.
Alla mia domanda "Scusami, sei per caso di nazionalità Islandese?" la ragazza ha spalancato un sorriso e con una vocina flebile mi ha risposto "Si". La stessa conferma l'ho ricevuta chiedendole se "per caso" non fosse anche una violoncellista! Per anni ho mancato i concerti live dei Mùm a Roma: è stato abbastanza curioso trovare, confusa tra il pubblico, Gyða Valtýsdóttir (il nome si legge Githa con il "th" all'Inglese!)!
Ci siamo trattenuti alcuni minuti con questa ragazza gentile e sorridente che ci ha raccontato della sua attuale carriera come musicista classica (sta perfezionandosi con un Master in Svizzera) e della sua amicizia con Claus (leader degli Efterklang) e compagni. Abbiamo parlato del nuovo corso della sua ormai ex-band e di come il sound dei Mùm sia molto cambiato con l'avvento della nuova line-up. Immancabile una domanda sull'altro ex-membro del gruppo, la sorella gemella Kristin, ormai stabilmente negli USA, dove ha iniziato una carriera solista con il suo compagno.
Beh... una bella serata... senza dubbio!

Dret

Citazioni e Riferimenti

PreviousPauseAvanti