Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/jennifer_gentle_edwood_circolo_degli_artisti_09_feb_2008' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Jennifer Gentle + Edwood @ Circolo degli Artisti (09 feb 2008) | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Jennifer Gentle + Edwood @ Circolo degli Artisti (09 feb 2008)

Concerti
Informazioni
Anno: 
2009
Luogo: 
Circolo degli Artisti

Giunti al quarto capitolo della loro carriera con l’ultimo The Midnight Room, sempre per la Sub, i Jennifer Gentle sono oggi una delle realtà più eccentriche e originali dell’underground musicale. Lo confermano non solo i loro dischi, ma anche l’attività live che li ha portati a condividere il palco con formazioni di ottimo prestigio quali i Mogwai e a solcare i territori statunitensi e cinesi ottenendo dei feedback di ritorno più che positivi. La band padovana in poco più di un’ora ci assale con quel particolare e indefinibile sound che li ha resi celebri, fatto d’una commistione di pop, psichedelia ed un carico d’esperienza che li porta ad oltrepassare dei limiti. Un genere con una base circoscritta quella dei Gentle, il sixty con tutte le sue variegate facce e la sperimentazione dei primi ‘70.

Una sperimentazione continuamente tesa alla ricerca del difforme e disomogeneo, un magma musicale scomposto e inclassificabile, allo stesso tempo così presuntuosamente pop. L’esteriorità affascinante è solo un abbaglio che conduce a qualcosa d'illusoriamente occultato, al cuore nero follemente cesellato. Mentre nei dischi il lato mistico emerge con maggiore forza, dal vivo è protagonista quello più pragmatico e fisico, quello che trova le sue radici nel garage psichedelico dei Pretty Things e dei Floor Elevators, del pop swingato alla Kinks e il freak/psych delle teen band dei sessanta.

Scendono giù dal cielo creando un atmosfera goliardica e onirica My Memories Book, Locoweed, Mad House, Telephone Ringing, Electric Princess, It’s in Her Eyes, Take My Hand, The Ferryman, I Do Dream You, Universal Daughter e Liquid Coffe. Tornano richiamati a gran voce per riproporci una versione punk di I Do Dream you con i Bpm raddoppiati, purtroppo, dicono, il tempo a nostra disposizione è di appena due minuti e nella nostra scaletta non abbiamo pezzi così corti…
Guardo live i Jennifer Gentle e penso ai geniali, innovatori e precursori Os Mutantes, forse non esiste un paragone più azzeccato, come loro nei sessanta, una delle band più ispirate di questi anni. Formazione di grande qualità gli Edwood che aprono il concerto, un indie rock suonato col cuore e con la testa.

Recensione originariamente scritta da Tommaso Floris


PreviousPauseAvanti