Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/jonsi_in_concerto_auditorium_parco_della_musica_roma_21_07_2010' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Jonsi in concerto @ Auditorium Parco della Musica - Roma 21-07-2010 | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Jonsi in concerto @ Auditorium Parco della Musica - Roma 21-07-2010

Concerti Jonsi in concerto @ Auditorium Parco della Musica - Roma 21-07-2010
Informazioni
Luogo: 
Auditorium Parco della Musica - Roma
Data: 
21/07/2010

Se potessi evitare di scrivere queste righe lo farei! Non per pigrizia o mancanza di argomenti: semplicemente non ritengo di avere a disposizione le parole adatte per descrivere l'esperienza vissuta.

Roma, afosa serata di Luglio, Auditorium Parco della Musica... concerto di Jonsi (Jón Þór Birgisson) leader e voce dei Sigur Rós, in tour per l'uscita del suo album solista "Go".

Negli ultimi anni ho sempre mancato (per imprevisti di ogni sorta) i concerti romani dei Sigur: grandi aspettative quindi e grande anche la paura che queste potessero alterare la percezione del primo incontro live con l'artista islandese.

Tutto questo è stato spazzato via in poco meno di cinque minuti...
Un'esperienza totale: sonora, visiva, emozionale... semplicemente meravigliosa!

Accompagnato dalla sua band, Jonsi si affida alla chitarra acustica, intimista e minimale per un inizio sussurrato... quasi timido.
La voce è limpida, senza effetti o contaminazioni, un cristallo di ghiaccio che penetra l'anima e dilata lo spazio.

E come aprire una finestra sul palco; la cavea trova un altro spazio di fuga infinito... oltre al cielo sopra di noi. Si viene proiettati altrove, in un posto "diverso"... che non è fisico ma altrettanto reale.

Lentamente lo schermo dietro il palco si illumina, regalandoci suggestioni visive oniriche e meravigliose; non semplici cornici ma parte integrante di questo momento magico. E' la natura a predominare su tutto: animali, piante, acqua, fuoco, vento, elementi reali e metaforici dell'esistenza umana.

Col passare dei minuti tutta la band entra a far parte di questo gioco, il ritmo si alza e il nutrito parco strumenti allarga lo spettro sonoro della performance.
E' un climax ascendente che tocca il suo picco a metà concerto quando vengono eseguite: "Go Do"... "Animal Arithmetic"... "Boy Lilikoi"... "Around us"...

Il pubblico si infiamma... le emozioni si fanno più forti... i pezzi più elettronici vengono mesmerizzati... il suono si fa più umano, reale e fisico.
E un turbinare di colori caldi che non lascia spazio alle ombre e alla nostalgia; è un'esplosione di energia... un inno alla vita.

Come un fiume in piena, la musica invade ogni anfratto, ogni angolo, ogni persona... e poi, come ogni cosa umana, lentamente comincia a calare...

Il finale è struggente e devastante... l'anima di Jonsi si riconcilia alle atmosfere tipiche dei Sigur Ros... e parte "Grow till Tall"...

Immagini di una pianta che cresce, mette rami e foglie... poi l'inverno... la pioggia... e il vento... che cresce di intensità di pari passo con la musica... diventando bufera... inarrestabile e terribile... spazzando via ogni cosa... dentro e fuori lo schermo... portandosi via tutto... la tristezza e la gioia... la luce e le ombre... e persino la musica stessa..

E quando le luci si spengono ci si sente quasi vuoti... una catarsi completa...

... solo un eco rimane... gli ultimi versi:" You'll... know, You'll... know, You'll... know".

Dret

Che radio avete e che onore

Che radio avete e che onore per la nostra borgata avere dei professionisti come voi che lavorano ogni giorno per noi. Grazie ragazzi e continuate così.

Starà a voi stabilire quando scommettere in questo casino online, in quanto il casinò è sempre aperto.


PreviousPauseAvanti