Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/klaxons_estragon_bl_10_mar_2007' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Klaxons @ Estragon [BL] (10 Mar 2007) | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Klaxons @ Estragon [BL] (10 Mar 2007)

Concerti
Informazioni
Anno: 
2007

Da Atlantide verso l’Interzona. Il passaggio non è così semplice come si potrebbe presupporre. All’Estragon tra gli indie kids e non solo, c’è grande attesa per i Klaxons. In molti sono venuti a verificare se l’hype che li circonda è giustificato o se è la solita fregatura. Il dubbio mi attanaglia.

Mi posiziono in transenna centrale aspettando un’entrata in grande stile new rave dei tre componenti della band (Simon, James e Jamie, poi ci sarebbe Stefàno il batterista ma non se lo fila nessuno, poverino), con raggi laser verde fluo, neon psichedelici e alieni rosa smoking che vomitano acido e invece mi ritrovo il chitarrista con il giubbino fregato al benzinaio dell’Agip, un tastierista sbarbo e bassista con felpona grigio topo. Dunque nessuno sfoggio di autoironia, come nei loro video. Qui, dio mio, sembrano seri!

Partono con Bouncer e il pogo violento del pubblico mi fa riprendere dallo shock. Con Atlantis to Interzone (citazione da William Burroughs) invece mi sciolgo anche io ma continuo a non essere del tutto convinta. I ragazzi hanno suonato sì molto bene, senza sbagliare un accordo (beh forse qualcuno si), ma non c'è mai stato (ad esempio) uno “stop” e “ripartenza” serio che avrebbe fatto molto nu rave. L'unico c’è stato solo su Magik, una delle poche canzoni che ha davvero spaccato insieme a Two Receivers. Golden Skans poi gli è venuta un po’ gay (coretti troppo alla Scissor Sister, dai), nel senso che non mi ridato quell’effetto di viaggio intergalattico in un tripudio di melodie filanti e scie luminose di pulviscolo pop. Insomma m’è parso più indie e basta che new rave.

Ma non si possono certo criticare questi tre figlioli, così giovani, in fin dei conti il loro Lp “Myths Of The Near Future” (citazione da J.G. Ballard) spacca di brutto, e hanno inventato se non un genere almeno un movimento, che non ha copiato nessuna moda ma se l’è creata da sola e non è di certo poco.

Laura Fontana


PreviousPauseAvanti