Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/matteo_della_negra_giallo' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Matteo Della Negra - Giallo | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Matteo Della Negra - Giallo

Cd-Dvd Musicali Matteo Della Negra - Giallo
Informazioni
Etichetta, Editore, ecc.: 
autoprodotto
Anno: 
2008

Ritmo e basso… chitarra: ma chi l’ha detto che questa mia canzone ci deve ficcar dentro un testo che sia commerciale/breve e immediato, di facile fruizione/ che importa se sembra un po’ banale?”
( M. Della Negra)

Matteo della Negra non vuole fare sensazione con le sue canzoni, ma ci invita ad ascoltarlo perché vuol far sentire ciò che ha da dire. Canta con decisione di rifiutare quelle regole commerciali che impongono certe formule di successo dirottando sul mercato passione, espressione e sentimenti che invece nascono genuini nei cantautori.
Apri le orecchie e ascolta un po’ che io non mollo e mai lo farò/questa mia rabbia io canterò/ che ti piaccia o no lo sentirai”: accettiamo dunque l’invito di Che ti piaccia o no pensando proprio che questi siano i versi che meglio rappresentino gli intenti di questo musicista friulano-maremmano e stella nascente del panorama cantautoriale italiano.
Col suo rock sfacciato, la sua grande versatilità musicale, il suo basckground e la sua formazione accademica, Matteo Della Negra non ha nulla da invidiare ai cosidetti “grandi”, anzi: ci si accosta volentieri, forse anche con un certo senso di sfida, dato che di coraggio e di voglia di dire le cose ne ha da vendere.
Giallo è il titolo dell'album e della seconda traccia, un gioco di parole ben intonato all’Hip hop italiano
che, giocando con gli accenti e il ritmo dei suoni, ricalca in parte lo stile di “Rosso relativo” di Tiziano Ferro, ma con liriche certamente più distese, parole più duttili e letterariamente più ricercate.
I controcanti e le chitarre acustiche di zaffiri raccontano della danza latineggiante e sensuale di una donna e contornano una voce potente e dalla grande estensione (un dono che Matteo deve avere senz’altro ereditato da suo nonno tenore).Il pezzo è registrato da un live e gli applausi, più che meritati, si sentono tutti.
Della Negra è soprattutto un cantautore dalle liriche romantiche: non a caso nella delicatissima Tempo un dolce pianoforte accompagna una melodia di larghissimo respiro che racconta con similitudini oniriche il volo leggero da gabbiano di un amante che sogna di posarsi sul seno della donna che ama.
Written in the stars è un pezzo tutto in inglese e le sue atmosfere musicali sono create ad arte e immerse nel pop-rock. La voce incredibile di Matteo, ancora una volta, si commenta da sola per tutte le note acute che è in grado di toccare.
Onda è un pezzo pieno di ritmo e di metafore amorose, che sono il tema portante dell'intero lavoro.
Il disco prosegue poi con altre tre canzoni:Dioscuro coi suoi strumenti etnici; Dareavere, l'altro pezzo funk dell'album; e in fine con una ballata romantica che è Treni.
Il disco si chiude con la versione strumentale di Il tempo, e nonostante i suoi numerosi richiami ad altre musiche e ad altri artisti, è qualitativamente molto e valido superando quindi il confronto coi suoi modelli di riferimento, ammesso che ve ne siano stati.
Il maestro Della Negra, bambino prodigio entrato al conservatorio all’età di 11 anni grazie Il burattino, una composizione che compose quando di anni ne aveva appena 9, con le sue canzoni spazia tra il rock, il funky e le ballate ed uno dei suoi migliori pregi sta proprio nella composizione dei testi: le sue liriche d'amore, a cavallo tra il classico e il moderno, sono scritte con una cura letteraria tale da scongiurare la banalità, mentre sul versante funky,le parole sfruttano al meglio la potenzialità dei suoni.
Se volete ascoltare alcuni brani di Matteo Della Negra li trovate anche su myspace.
L'artista ha anche un sito personale ricco di informazioni alla pagina:

TRACKLIST

01. Che ti piaccia o no
02. Giallo
03. Zaffiri
04. tempo
05. written in the stars
06. onda
07. dioscuro
08. dareavere
09. treni
10. la zattera e il faro

Giuseppina Brandonisio


PreviousPauseAvanti