Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/q_propiet%C3%A0_elastiche_del_vetro' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Q - Le Propietà Elastiche Del Vetro | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Q - Le Propietà Elastiche Del Vetro

Cd-Dvd Musicali Q -  Le Propietà Elastiche Del Vetro
Informazioni
Etichetta, Editore, ecc.: 
Micropop
Anno: 
2007
Luogo: 
Italia

Q è lo pseudonimo di Filippo Quaglia, artista genovese nato nelle fila dell’elettro-pop e noto nell’ambiente per il suo passato da remixer e di dj.
Le proprietà elastiche del vetro è il risultato del lavoro di questo abile manipolatore di suoni che, dopo il suo esordio come addetto ai synth ed alle groovebox nella indie-band Numero6, un passato di produttore (per i Casino Royale, Perturbazione, Port Royal, LNRipley, Masoko, Sikitikis, Ex-otago e Korg)e fatto di prestigiose collaborazioni (con Paolo Benvegnù, Boosta e Meganoidi), debutta come cantautore.
Le proprietà elastiche del vetro viene pubblicato nel 2007 dall’etichetta indipendente Micropop e in quello stesso anno Q lo presenta in anteprima al popkomm di Berlino e poi al M.E.I. di Faenza.
Il disco unisce due anime: quella pop di un cantautore - attento alle liriche dei suoi testi ermetici, riflessivi e bizzarri - e quella noise dell'alchimista dei suoni che mescola l'elettronica piena di groove e ritmi dance ai morbidi arpeggi e alle melodie orecchiabili e accattivanti.
Un’ambivalenza che definisce l'identità di questo lavoro e che si fa il motivo portante di tutto il cd. Già nel brano di apertura, la tosse, Q ci introduce in un mondo di suoni acustici e arpeggiati seguiti da drum-machines, grooves e beat break che scandiscono il ritmo di questa musica dolce e delle parole. Ricco di metafore situazionali, il testo mette il protagonista della canzone a tu per tu col suo stato d’animo e il suo comportamento.La tosse è il gesto che rappresenta la noia, l’imbarazzo e il disagio: tossiscono i “padroni dei bar”, quelli dove il protagonista della canzone passa fin troppo tempo immerso nei suoi sensi di colpa; è un gesto che fa rumore come i suoi pensieri pesanti dedicati ad una donna che invece è altrove, in un ospedale a mettere al mondo un bambino.
L'inciso orecchiabile e il backing vocal con Davide di Munzio dei Meganoidi caratterizzano Furgone Nazione: qui vengono cantate l’immagine allo specchio di un uomo in crisi alle perse col suo duro esame di coscienza (”sei tu, sei tu, chi può darti di più, sei il ripieno indeciso del tuo look”) e le sorti di una nazione smarrita a causa della stupidità e dei cambi di direzione di chi la governa (“7 scimmie che cambian direzione senza un motivo, senza un perché”: il riferimento è probabilmente al Canada). Questo pezzo ha una coda in inglese che lo rende più orecchiabile e trascinante.
Seguono le note rilassanti e giocose di é quasi estate, fatte di chitarre acustiche e drum bass, e poi quelle di sei giorni nella vasca trascorsi da un corpo “quasi sciolto” per il quale “dopo sei giorni nella vasca, alzarsi non ha senso”: la metafora è quella del senso di inadeguatezza e l’immagine è quella dell’uomo liquefatto come “sapone liquido, come dire che ormai striscio liquido”; il pezzo sintetizza violoncelli e drum bass alle tastiere mentre il ritmo delle parole esalta la musicalità intrinseca alle sillabe di questa filastrocca.
L’amore tra i camion delle aree di sosta è quello che si fa di nascosto “come la prima volta”, mentre la gente viaggia sulle strade e qui i timbri di clarino e oboe si sposano alla perfezione coi suoni computerizzati.
Il disco (prodotto da Paolo Benvegnù) prosegue con altri pezzi in un crescendo emozionale che abbandona presto le metafore per farsi anche più diretto e tragico, come in se piangerai, che parla di un tentativo di suicidio fallito ma che si si sublima in note dolci e leggere di un DJ che si è ormai incamminato sulla strada della musica d’autore – scoprendo così forse quella che è la sua vera anima musicale e che continua a giocare con la potenzialità dei suoni e degli effetti prodotti dalla sua consolle.

TRACKLIST:

  1. LA TOSSE
  2. FURGONE NAZIONE
  3. E' QUASI ESTATE
  4. SEI GIORNI NELLA VASCA
  5. L'AMORE TRA I CAMION
  6. IL CINEMA A LUGLIO
  7. BIMBIMEZZICONIGLI
  8. SE PIANGERAI
  9. NESSUNO NELLA STANZA
  10. TUO SENZA RITORNO

PreviousPauseAvanti