Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/recensione_concerto_metallica_roma_palalottomatica_24062009' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Recensione Concerto Metallica Roma Palalottomatica 24/06/2009 | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Recensione Concerto Metallica Roma Palalottomatica 24/06/2009

Concerti Recensione Concerto Metallica Roma Palalottomatica 24/06/2009
Informazioni
Anno: 
2009
Luogo: 
Palalottomatica Roma

Non è facile scrivere una recensione riguardo il concerto dei Metallica tenutosi a Roma il 24 Giugno 2009 al Palalottomatica; non è facile personalmente per diversi motivi…
Non è facile perché sono 13 anni che non si esibiscono nella capitale e l’attesa è stata veramente estenuante, non è facile perché sono passate poche ore dal concerto, mentre scrivo queste mie parole, e l’entusiasmo e l’adrenalina si fanno ancora sentire (così come un persistente fischio alle orecchie, o come direbbe il Doctor Who, un persistente acufene bilaterale). Non è facile perché dopo una vita che li ascolti, finalmente li vedi fisicamente, sono li, a pochi metri da te, respirano la stessa aria che respiri tu e quando guardano fra la folla urlante sembra quasi che stiano guardando direttamente te negli occhi creando così uno strano senso di gioia e di appartenenza ad un genere musicale troppo spesso criticato e censurato, senza fondamento alcuno, dai “benpensanti”.
Più che una vera recensione posso raccontare la mia personale esperienza “concertistica”.
L’inizio previsto per il concerto è alle ore 21 e, nemmeno fossimo in Svizzera, alle 21:02 si inizia… Le luci sono bassissime e le note di una familiare “Estasi dell’Oro” (non a caso sigla di apertura di “Music&Medicine n.d.a) riempiono lentamente tutto il Palalottomatica, gremito e impaziente come non mai.
In un attimo geometrici giochi di luce laser disegnano erratiche linee che riempiono gli occhi ed il cuore di tutti i fans presenti. Poi quelle stesse luci si fanno più chiare, più precise, indicando virtualmente la posizione dei “Four Horseman”… E’ il vero inizio del concerto, un battito cardiaco in crescendo introduce il primo brano “That Was Just Your Life” e la gente finalmente libera in un solo grido tutta la sua gioia, l’attesa è finita il concerto ha inizio!
I Metallica suonano per quasi 130 minuti, senza mai fermarsi, senza mai prender fiato. Sono incredibili, il tempo non sembra passare per loro, scattanti, potenti, roboanti come la loro musica… Mi lascio andare ad un perenne Headbanging mentre una dopo l’altra suonano i loro pezzi: The End of the line, Creeping Death, Of Wolf and Man
Il mio cuore ha un sussulto quando parte “One” e un sussulto lo “prova” il palalottomatica quando potenti esplosioni si generano intorno una incessante batteria spinta al massimo dall’ instancabile Lars. Personalmente sono già distrutto dopo le prime 4 canzoni, sudato come non lo ricordavo nemmeno più, felice come un bambino in un giorno di festa con un gelato in mano.
Con la poca voce rimasta intono con oltre 20000 persone una trascinante Master of puppets, fomentato da un certo James Hetfield, 47 enne Californiano, professione: Leader di una delle più grandi Metal Band della storia…
A stento trattengo le lacrime sulle evocative note di “Nothing else matter” ed in effetti “Non importa nient’altro” come recita il testo della canzone, ancora una volta il mondo potrebbe finire in quell’istante, sarebbe una fine assolutamente accettabile.
La fine del concerto però è ancora lontana, me lo ricorda il solito Hetfield che, in postura genuflessa, attacca la sua “Enter Sandman” e di nuovo tutti carichi come molle a gridare la nostra passione verso il Metal, verso i Metallica, alfieri di un genere mai morto, anzi vivo e attivo più che mai!
Ma la perfezione si sa, non è di questo mondo e le “note” (in senso stretto) negative non sono mancate.
Contestabile la scelta di “coverizzare” un brano dei Queen “Stone Cold Crazy”, così come inserire Cyanide anziché un “Disposable Heroes” come fatto 2 giorni prima a Milano.
All’appello manca “Battery” e personalmente è un assenza pesantissima; così come avrei preferito “Turn the page” come brano cover, forse perché più legato a quest’ultimo.
Ma non è poi importante rispetto al resto dello spettacolo, conclusosi con palloni neri rimbalzanti sulle teste di “poganti” fan ormai fradici ma sicuramente soddisfatti.
Da notare la vincente idea del palco a 360 gradi, con batteria ruotante ogni 3, 4 brani per permettere a tutti di “stare davanti al palco”.
Pessima invece la resa acustica del Palalottomatica, adatta forse a personaggi di un diverso, molto molto molto diverso, livello musicale come il nostrano “Iron Tiziano” oppure “Marco Paper” non certo ai Metallica e alla loro esplosiva musica…
In conclusione vado via sconvolto, sudato, con un persistente dolore al collo e quasi completamente sordo, ma sono entusiasta, li ho visti, questa volta potrò dirlo: “Io c’ero”

Andrea Lupoli

Setlist
:

1.That Was Just Your Life
2.The End Of The Line
3.Creeping Death
4.Of Wolf And Man
5.One
6.Broken, Beat And Scarred
7.Cyanide
8.Sad But True
9.No Leaf Clover
10.The Judas Kiss
11.The Day That Never Comes
12.Master of Puppets
13.Dyers Eve
14.Nothing Else Matters
15.Enter Sandman
16.Stone Cold Crazy
17.Phantom Lord
18.Seek & Destroy

GRANDE!

complimenti per la recensione Doc!
grazie,mi hai fatto vivere almeno alla lontana le sensazioni del concerto..leggendo ho trovato un po' di consolazione e allo stesso tempo ho rosicato perchè non c'ero! :D

Grazie!

Ti rifarai con il prossimo, fra 13 anni circa... XD

io dico

peccato per l'acustica scadente!! poveri mastodon e lamb of god, meritavano di più! e poi i volumi dei metallica erano troppo troppo alti! dovrebbero abbatterlo quell'obrobrio d'acustica chiamato palalottomatica

io non capisco.. veramente. o

io non capisco.. veramente. o la gente ha veramente perso il gusto musicale e la cosa non mi stupirebbe affatto o siamo tutti del "chi s'accontenta gode"... io sono stato un fan dei metallica, come tutti del resto e mi duole dire certe cose, ma sono terribili ora.. ho visto vari pezzi live e steccano in continauzione. possibile che nessuno se ne renda conto? ci sono cover band che suonano meglio e dico davvero.. assurdo veramente. e la cosa mi rattrista

In verità

Qualche "stecca" sicuramente c'è stata, ma il problema è un altro... L'acustica pessima, come già scritto nella recensione. Un acustica che portava ad una "marmellata sonora"; colpa di un Palalottomatica poco adatto ad ospitare concerti di questo tipo.

sono ormai passate due

sono ormai passate due settimane dal concerto, in cui anche io "c'ero" ma nonostante leggendo la tua recensione mi sono saliti i brividi alla schiena, hai detto tutto, niente da aggiungere, appoggio in pieno il fatto che al palalottomatica il sound fa schifo e per i MetallicA è stato uno spreco, però devo dire che ne è valsa la pena,gli effetti speciali sono stati favolosi.
Questo è il secondo concerto che ho assistito dei MetallicA,
il primo è stato a bologna, parco nord, ero parecchio vicino al palco, ma ho fatto giusto in tempoa sentire le prime note di extasy of gold che i pogganti mi hanno travolto, cosi sno finita infondo a tutti, me li sono visti dal maxi schermo, che si era veramente maxi ma,porca miseria!, fino a bologna per vederli da uno schermo ho un pò rosicato!
questo concerto invece me lo sono proprio goduto, potvo sedermi quando mi ero stancata di saltare, potevo bere snza che qualcuno mi facesse rovesciare la bibita addosso, li ho visti, bene, e mi sono pouta ascoltare la loro stupefacente musica senza la preoccupazione di trovarmi qualcuno in braccio :)
appoggio anche la questione che hai aperto sui pregiudizi su questo genere di musica, perchè la gente, sopratutto gli italiani sono cosi ignoranti? io ascolto prima una canzone e sento di cosa parla prima di criticarla, tanti no, sopratutto quelli che si ascoltano tiziano ferro o laura pausini, non vedono altri orizzonti, si fermano su questi 3 o 4 cantanti, che non fanno altro che cantare canzoni d'amore, le solite parole, con quella melodia che ti fa venire voglia di suiciarti, degli zombi che vivono una vita di stress e fatica come tutti ma che invece di ricaricarsi,mettersi un pò di adrenalina, di eletrizzarsi un pò con della musica che te lo consente come quella dei MetallicA, si afflosciano e autodistruggono con marco masini, con renato zero o eros ramazzotti! io dico! con quella voce che pare che lo stanno per strozzare e gli hanno infilato due tappi nel naso!io? sono felice ascolto i metallica, sono triste ascolto i metallica, i metallica sono doc per ogni occasione, anche se vuoi dedicare sad but true alla tua amata, con quel testo che rimane per me il più originale su questioni d'amore, tu, tu sei la mia maschera, parole sante. E quanto altro da dire...poveri noi che ci dobbiamo subire le critiche di amici, parenti e conoscenti, che ci dicono "abbassa sta musica" " ma che ti staiascoltando"
e tu ti devi sorbire "alba chiara" di vasco rossi stando pure zitto. ahauhauaha questa è bella, te la devo dire, una volta stavo ascoltando i MetallicA con le cuffiette(tanto per cambiare) ero al mare con degli amici, alcuni conosciuti da poco, e uno di questi mi fa "che ti stai asoltando? posso sentire?",io gli dico che sono i MetallicA e gli porgo una cuffietta, questo ascolta per un secondo e poi mi fa "ma che è tipo tribal house?" ahuahaahuaha conoscenza di musica zero. Che odiosità, che amarezza...ora vado a letto, con le note di the bard's song (in the forest) dei blind guardian....altra musica che merita tanto di inchino...


PreviousPauseAvanti