Warning: Table './testdrupal/drupal_cache_page' is marked as crashed and should be repaired query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM drupal_cache_page WHERE cid = 'http://radio.torvergata.it/recensione/zora_%E2%80%9Cundisciplined_violent_aggression%E2%80%9D' in /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc on line 135

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 726

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 727

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 728

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /var/www/radiotorvergata/includes/database.mysqli.inc:135) in /var/www/radiotorvergata/includes/bootstrap.inc on line 729
Zora “Undisciplined Violent Aggression” | Radio Tor Vergata
Internet Tor Vergata Ateneo Uniroma2 La Web Radio Online
della Seconda Università di Roma musica, notizie, attualità e cultura dal nostro ateneo, da e per gli studenti.

Zora “Undisciplined Violent Aggression”

Cd-Dvd Musicali
Informazioni
Anno: 
2007

Dalla Calabria con furore.

Solitamente i tour dei gruppi Metal non scendono oltre Roma, considerato ultimo baluardo dell’Italia, sono rarissimi i gruppi che raggiungono l’estremo sud. Forse proprio per questo motivo, ovvero suonare per i loro conterranei, che non ricevono il giusto apporto di vitamina M LIVE, fondamentale per la crescita di ogni metallaro, i fan accaniti della musica estrema si riuniscono in band e creano dei veri e propri capolavori, una di queste è Zora.
Il primo mini-disc targato Zora è U.V.A. , abbreviazione di Undisciplined Violent Aggression, e mai nome fu più azzeccato, 21 minuti e 17 secondi di puro massacro sonoro, condito con tecnica e maestria, al punto che si stenta a credere che la band sia composta solamente da tre persone.
Magistrale “Smashed out of control”, la canzone che apre l’album e che inizia con stralci di telegiornali in perfetto stile gore, a sottolineare non solo la loro appartenenza al Brutal Death, ma soprattutto a rimarcare la loro provenienza dallo Stivale. Tecnica a profusione già dal primo pezzo, dove Peppe Pascale, chitarrista e vocalist della band, e Tato, al basso, si arrampicano come edera sul muro di batteria alzato da Alessandro Di Meco, incalzante, aggressivo, sensazionale.
Tsantsa” è classica allo stato puro, un brutal death schietto, verace e old school. Il minutaggio tipico Cannibal Corpse, il growl aggressivo e incupito, molto più basso rispetto alle altre tracce e dove solo negli ultimi secondi viene accennata la peculiarità del gruppo di Vibo, ovvero la combinazione con lo scream, molto più marcata in “Narcos War”, dove la combo delle frange estreme raggiunge una potenza da sonora brividi, aumentata da un blast beat degno di un assolo.
Ogni album ha la sua canzone d’eccezione, ma è davvero difficile trovarne una che la possa fare da padrone in questo mini-disc sensazionale, le stesse “Fresh Flesh” e “Violating Code” sono bestiali e degne di nota.
Malgrado l’intro un po’ disorientante la perla “Main frame Collapse”, che chiude il primo lavoro studio degli Zora, dimostra un attaccamento a una fede dura a morire, omaggiando palesemente il monumento del Metal Estremo made in Italy, quello degli Schizo.
Un cd tutto da gustare fino all’ultima nota, un perfetto connubio tra Brutal Death est-europeo, scandinavo e americano, con chiari riferimenti a band che hanno scritto svariati paragrafi nel capitolo più duro della musica come Cannibal Corpse, Cryptopsy, Entombed e Vomitory.
Violenza, tecnica, precisione e tradizione, in una sola parola Zora.
(Stefano Stocchi)


PreviousPauseAvanti